Vai al contenuto

Incontro Stop TTIP

Stop-TtipLE ASSOCIAZIONI INFORMANO SUL TTIP

Si è svolto giovedi sera, presso il salone Aurora di Mondolfo l’incontro coi cittadini promosso dal gruppo di acquisto solidale Gas Due Fiumi in collaborazione con l’associazione Fuoritempo e la partecipazione del relatore Evasio Ciocci, membro del “Coordinamento dei Comitati Cittadini per la campagna nazionale Stop TTIP Italia”, il quale ha esposto le motivazioni per cui occorre urgentemente prendere provvedimenti e fermare la trattativa.

Il Partenariato transatlantico per il commercio e gli investimenti (in inglese Transatlantic Trade and Investment Partnership, TTIP) è un accordo commerciale di libero scambio in corso di negoziato dal 2013 tra l’Unione europea e gli Stati Uniti d’America, esercitato finora in totale segretezza.

L’obiettivo proposto è quello di integrare i due mercati, riducendo i dazi doganali e rimuovendo in una vasta gamma di settori le barriere non tariffarie, ossia le differenze in regolamenti tecnici, norme e procedure di omologazione, standard applicati ai prodotti, regole sanitarie e fitosanitarie. Ciò renderebbe possibile la libera circolazione delle merci, faciliterebbe il flusso degli investimenti e l’accesso ai rispettivi mercati dei servizi e degli appalti pubblici.

I problemi più consistenti derivano proprio dall’abolizione delle barriere non tariffarie permettendo, ad esempio, l’utilizzo di molti pesticidi ora banditi in Europa, indebolirebbe le leggi di protezione ambientale e sanitaria, faciliterebbe la privatizzazione dei servizi pubblici, rafforzerebbe il mercato estero escludendo centinaia di migliaia di produttori penalizzati da normative europee più rigide sottostanti al principio di precauzione (un prodotto viene prima testato e poi messo in commercio), rispetto ai meno costrittivi Stati Uniti (un prodotto viene commercializzato fino a che non risulti nocivo) e facilitato da costi ovviamente inferiori, prevedendo addirittura un arbitrario con misure che consentano agli investitori stranieri di citare in giudizio i governi che ostacoleranno il libero scambio.

Il gruppo Gas Due Fiumi ha voluto sensibilizzare la cittadinanza e i suoi rappresentanti sull’importanza fondamentale che riveste questo tema per l’intera popolazione e appoggia ogni intervento pubblico volto a impedirne l’approvazione invitando i cittadini a visitare il sito http://stop-ttip-italia.net dove è possibile aggiornarsi e firmare la petizione.

Altro obiettivo è quello di sensibilizzare il comune a sostenere in consiglio comunale l’ODG presentato dai consiglieri di Progetto Comune e depositato in data 23/01/2016.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: